• +39 379 227 2671
  • Tutti i giorni dalle 9:00 alle 21:00

I tipi di bicchieri per la birra

Bicchieri della birra
Bicchieri della birra
Bicchieri della birra

PERCHÈ I BICCHIERI DELLA BIRRA NON SONO TUTTI UGUALI? IL TIPO DI BICCHIERE CAMBIA LA PERCEZIONE DEL GUSTO?

I bicchieri per la birra non sono tutti uguali. Immagino che anche chi non beve birra se ne sia accorto. Esistono decine, centinaia, forse migliaia, di bicchieri di birra diversi. Ma perché? È solo una questione di marketing o il bicchiere fa la differenza? Un bicchiere ha davvero la capacità di rendere la bevuta più coinvolgente?

Iniziamo a dire che la birra non è tutta uguale. Se siete arrivati fino a qui sicuramente lo sapete! Esiste la birra industriale, la classica birra che si trova comunemente negli scaffali dei supermercati. e poi, dagli anni 90, si è sviluppata in Italia anche la produzione della birra artigianale, definita come "la birra prodotta da piccoli birrifici indipendenti e non sottoposta, durante la fase di produzione, a processi di pastorizzazione e di microfiltrazione".

Nel caso della Birra Artigianale abbiamo un prodotto totalmente diverso sotto il profilo organolettico, con profumi e sentori che rendono la beva una vera e propria esperienza di gusto. I birrifici invitano a versare la birra in un bicchiere di vetro o ceramica accuratamente pulito. Una visione molto lontana dalle pubblicità di prodotti industriali che invitano a bere dalla bottiglia. Bevendo la birra direttamente dalla bottiglia non favoriamo il formarsi della schiuma e impediamo ai profumi, in particolare del luppolo, di arrivare al naso perdendo fino all’80% del gusto.

Resta con la tua birra, la birra è un flusso continuo di sangue, un’amante continua CHARLES BUKOWSKY

Ma il tipo di bicchiere è davvero in grado di cambiare l’esperienza della nostra bevuta o è solo una questione di marketing?

Diciamo subito che la componente Marketing c’è! Il logo e la forma personalizzata ne sono una chiara dimostrazione. Pensiamo, ad esempio, ai bicchieri delle due birre belghe KWAK e LA CORNE. Due bicchieri bellissimi, dalla forma ricercata, con cui è piacevole e divertente gustarsi l’omonima birra, ma che non portano un valore aggiunto al gusto della birra.

Con l'evoluzione della birra artigianale si è registrato un vero boom nell’acquisto del bicchiere corretto per assaporarla. Il recipiente ci consente di esaltare le caratteristiche organolettiche del prodotto. Non esiste soltanto il bicchiere in vetro e, come anticipato, le forme sono molteplici. Allora vediamo le caratteristiche principali:



  • Le coppe larghe favoriscono la percezione degli aromi
  • I bicchieri alti e stretti esaltano l’importanza della schiuma
  • I calici panciuti servono a gustare meglio l’alto tasso alcolico
  • I bicchieri di ceramica mantengono meglio la temperatura e, se dotati di coperchio, riducono le perdite di gas
  • I bicchieri più tracagnotti e bassi, in generale, rendono la birra più dolce, perché nel cavo orale fa dilagare la birra, distribuendola su tutta la lingua, in particolare ai lati dove le papille gustative intercettano la dolcezza
  • I bicchieri alti e magri rendono la birra più amara perché fanno scorrere la birra direttamente sulla parte posteriore della lingua dove risiedono le papille destinate all’amarezza


Più il bicchiere è lungo, più i composti aromatici si percepiscono meglio al palato. Mentre se il bicchiere da birra è tozzo gli aromi vengono percepiti dall’olfatto. A quanto pare contano anche i bordi: un bordo netto e affilato favorisce la formazione della schiuma a cupola. Contano anche i punti di incisione sul fondo che possono garantire il flusso continuo di bollicine dal fondo.

Ma le spiegazioni teoriche sono sempre difficili da mettere in pratica. Perciò, facciamo alcuni esempi pratici che si applicano specialmente alle produzioni artigianali:


  • Balloon: una coppa che va a restringersi verso l’orlo o calice basso e grasso. Serve a contenere molta schiuma e permette si scaldare la birra a contatto con il palmo della mano. Consente uno scambio termico tale da esaltare gli aromi e risulta adatto a birre corpose e robuste
  • Teku: calice con la classica pancia da birra con orlo leggermente sfasato. Realizzato per degustazione, esalta gli aromi e contiene la schiuma. Adatto ad ogni tipo di birra artigianale
  • Flute: Calice stretto e allungato con stelo sottile e lungo. Serve a mantenere la temperatura perché il calore delle dita non entra in contatto con il calice. Esalta le caratteristiche organolettiche ed aiuta a mantenere la schiuma. Particolarmente adatto a birre leggere e frizzanti
  • Coppa: ventre e sommità larghi. Favorisce l’ossigenazione e riduce la produzione di schiuma. Amplifica la percezione degli aromi e si sposa bene con birre aromatiche ad alta gradazione alcolica e bassa carica di gas

 

uomo che beve birra

Ed il marketing? Quasi totalità dei bicchieri da birra recano la serigrafia con il logo del birrificio. Questa avviene perché nei locali la birra è servita alla spina ed il bicchiere è l’unico strumento in grado di veicolare il nome della birra che stiamo bevendo. Nel mondo del vino questo non serve, in quanto è la bottiglia stessa ad essere portata a tavola.

Ecco ora che siete arrivati alla fine di questo articolo potete col tempo dotarvi dei quattro bicchieri base per le vostre degustazioni. Ma la cosa più importante è che la birra sia buona, artigianale e conservata nella maniera corretta ed alla giusta temperatura. Perché il bicchiere da solo non fa miracoli!


Sul nostro sito trovi birre con queste caratteristiche, accuratamente selezionate dal nostro staff. Scopri quali sono le tue preferite e lascia una recensione.

LASCIA UN COMMENTO

I commenti devono essere approvati prima di essere mostrati


TORNA IN CIMA